zattere per le mamme

...le forze cominciavano a venirmi meno, quando all'improvviso intravidi tra i flutti una zattera ed una mano allungata verso di me...con gli occhi brucianti di salsedine e la bocca piena di acqua riuscii a dire solo uno stentato 'grazie'...

giovedì 19 aprile 2007

Ma che giorno è oggi?


E' già trascorso un mese dal compleanno di Steve e a me questa velocità con cui si consumano eventi, momenti, giorni e minuti mi mette un pò di tristezza.Sia chiaro. Io non ho paura del tempo che passa. Ma mi dispiace tremendamente mettere tutto stò tempo tra l'adesso ed il passato perchè racchiude davvero troppe meraviglie che sarebbe un peccato dimenticare.
Per questo io raccolgo e conservo le agende, i diari, i quadernetti;tutto ciò su cui ho annotato qualcosa;tutto ciò che riporta, con dovizia di particolari, qualcosa che oggi, appunto,potrei non riuscire a ricordare.
Per fortuna che ci sono anche le fotografie. Ma con le foto mi riesce semplice giusto il giochino "vediamo come sono cambiata". E grazie al cavolo. Mi sono rivista in una foto del '98;insomma, non proprio un miliardo di anni fa, eppure...le spalle spigolose che mi piacevano tanto, la muscolatura ancora in buona tenuta, assenza totale delle mie care rughe naso-labiali. Ah, beh sì...il mio culo...quello lì sempre tale e quale ehh, coerente a se stesso ( tacci sua...)! 'mmazza come noti i cambiamenti! Però freddamente e con lucidità:quasi non fossi io quella...
Ma dalle impressioni che abbiamo trascritto, scoprendo a volte di aver fatto anche della poesia, meglio che da una fotografia, si sprigiona quella precisa sensazione e ti sembra di essere nuovamente lì...ecco sì mi ricordo...il nostro litigio sotto casa,la portiera beccata a spiare attraverso le tapparelle, ora me la ricordo la tua espressione dura perchè c'ho scritto " mi hai guardata con la tua faccia da cazzo"...oppure...leggendo "papà si è trasferito a Manziana" scoprire che era il 9 maggio (di più di tredici anni fa) e mi prende la malinconia di pensare quanto potesse essere odioso per mia madre essere stata lasciata definitivamente in una stagione così bella, in piena primavera...
Poi adesso c'ho pure stò blog.
Per adesso non ho voglia di rileggere ciò che è stato,ciò che ho scritto. Sono troppo curiosa di leggere i post con i ricordi dei miei amici. Anche se i mesi passano così velocemente almeno c'è la lentezza di leggere piano piano un pochino di ciascuno di Voi. Così passato e presente sono incredibilmente fusi. Come piace a me.
Salut.

4 Comments:

Blogger giuliana said...

sei brava a tenere traccia di tutto, io ci provo ma ci riesco solo per periodi limitati di tempo. per fortuna ora c'è il blog. anche a me piace leggere i post più vecchi, sapere di più sulle vite di chi scrive, scoprire perchè e per chi scrive...

2:15 PM  
Blogger Annachiara said...

ommioddio....io se riprendo i diari di gioventù mi metto a piangere per la pena di quello che scrivevo...uno nota certi dettagli che adesso non assomiglierebbero più a niente...

5:33 PM  
Blogger Panzallaria said...

ma sta foto, di che anno è?? auguri steve...in ritardo!
Panz

6:10 PM  
Blogger pOpale said...

non ho mai tenuto un diario, quindi lascio tutto ai ricordi, solo che oramia mi dimentico con facilità... di che stavo parlando ? ;)

Auguri in ritardo a Steve !

5:46 PM  

Posta un commento

<< Home

Lilypie - Personal pictureLilypie First Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers