zattere per le mamme

...le forze cominciavano a venirmi meno, quando all'improvviso intravidi tra i flutti una zattera ed una mano allungata verso di me...con gli occhi brucianti di salsedine e la bocca piena di acqua riuscii a dire solo uno stentato 'grazie'...

giovedì 23 ottobre 2008


La croce delle persone che tendenzialmente "fanno ridere", ovvero che la natura ha dotato di sense of humor e di tempistica nel fare battute carine al momento giusto è essere tristi.

Il momento preciso in cui il magone t'attanaglia e ti toglie quella leggerezza di vivere, le persone che ti stanno attorno non si raccapezzano più, le vedi smarrite, confuse.

Manco fossi stato un faro nella notte ad illuminare la via dei perduti.


E così in questo periodo.


Io personalmente stò a pezzi come non accadeva da tempo. La mia proverbiale solarità ha ceduto il passo ad una malcelata malinconia, aggravata da continue domande sul che c'ho, che m'è successo, ma perchè stò così, ma che m'è morto il gatto ed altre stronzissime amenità che dovrebbero servire a farmi sbottare in risatine ma non fanno altro che aggravare il mio stato d'animo.

Chi lavora con me, s'è accorto del mood leopardiano, ma il lavoro è un ottimo paravento dietro cui schermarsi e poi pognuno, diciamolo, c'ha i propri cazzi.

Le mie amiche però cominciano a diradare le telefonate perchè non ho nulla di divertente da raccontare, nessuno da imitare, nessuno da pijà pe' culo...oltre al fatto che gli euri non bastano mai e le mie amiche sò tutte notevolmente soldo-dotate e io non ho shopping compulsivi da raccontare per cui neanche sotto questo profilo soddisfo.

Mio marito, abituato a vivere con una, penso che mi veda così, virago tutto equilibrio e forti spalle, appena mi vede depressa, anzichè tirarmi su, mi abbatte sotto una gragnuola di epiteti e di rimbrotti, perchè certo, lo so pure io che non mi manca nulla, ma non posso manco ogni volta paragonarmi ai malati terminali o ai lebbrosi dell'India: POTRO' ESSERE PADRONA DI ESSERE TRISTE ANCHE SE C'E' CHI STA' MORENDO, CHI NON AVRA' MAI LA GIOIA DI UN FIGLIO, CHI NON AVRA' MAI UN BANCOMAT SIA PURE CON UN PICCOLO CONTO?


No. Non posso. Almeno posso ma lo devo fà con circospezione sennò offendo il comune senso del pudore. Perchè oggi è un lusso pure mostrare il proprio lato debole. Pare che siamo talmente corazzati che se in macchina ti scoprono a piangere a dirotto vedi le espressioni catatoniche e sconvolte dei conducenti che ti si affiancano. Piango, embè? Farebbe bene a parecchi. I bambini a volte piangono senza un perchè, noi per raziocinio li definiamo capricci ma loro lo sanno che è sano abbandonarsi a qualche tristezza perchè alla fine un abbraccio e tanti bacetti sulle guance ancora bagnate di lacrime si rimedia sempre.

Io cerco abbracci e bacetti di conforto sennò vi prego, fatevi li cazzi vostri e lasciatemi essere triste, voi che dite che mi volete bene. Non posso sempre ride.

Mò mi girano i coglioni. Vorrei azzardare a cambiare lavoro ma sono troppo grande. Vorrei tantissimo un altro bambino ma la natura ha deciso che meglio di no. Vorrei cambiare i connotati a casa nostra così forse entrerebbe energia positiva ma stamo sempre a combatte con la quadratura dei conti. Visto? Nulla di grave.

Ma voglio stare triste. Almeno voi so che non mi giudicherete e non mi chiederete di farvi ridere.


Grazie

7 Comments:

Blogger Psycho*ly* said...

io ti abbraccio, ti do anche un po' di bacetti, e ti esorto a fregartene se gli altri non approvano il fatto che tu non sia al top. E la natura, lasciala fare... che prima o poi arriva. Consiglio? tagliati i capelli, di solito con me funziona :-)

serialmama

11:58 AM  
Blogger Annachiara said...

Non toccare quel sant'uomo di tuo marito, eh!

Purtroppo questo mood è la croce dei clown...lo so bene.

E ora che l'ho detto, però, come cazzo faccio a ritirarti su?

Se ti interessa, a costo zero, io mi sto riprendendo il mio tempo e una volta a settimana vado a casa di una mia amica, in pieno centro di Roma, quindi pure bella passeggiata che mi rifaccio gli occhi, e ci vediamo per scrivere uno spettacolo teatrale incentrato sul rapporto madre-figlia.
Non ti fa ridere abbastanza, questa cosa?

2:48 PM  
Blogger lemoni said...

@SERIAL: Grazie per i bacetti...uè ma come hai fatto? Mi sono appena tagliata i capelli! Hai ragione comunque un cambiamento porta sempre un pò di endorfine...eppoi mi vedo pure cchiù bellella!

@Annie: vabbè più che ride n'hai fatto rosicà...ma è comunque un bello stato d'animo piuttosto che st'apatia che mi è presa...non sai come sono contenta di rileggerti.
Ahò t'ho dedicato pure un post, t'ho dedicato...se nun è amore questo!

3:16 PM  
Blogger Annachiara said...

Lo so che sembra ingrato, ma io il tuo post a me dedicato non l'avevo mai letto!
Ora me lo sono andato a cercare. Mi sono venuti pure i lucciconi! Grazie, tesorona!

2:26 PM  
Blogger Lila said...

mi piace tantissimo leggere il tuo blog e mi è piaciuto tanto anche questo post,così vero e sincero. Prenditi tutta la libertà di essere triste senza sensi di colpa, e soprattutto di lamentarti quanto e come ti pare, sono gli altri che si devono adeguare in questo caso... La natura farà il suo dovere prestissimo, ne sono sicura, di solito quando meno te lo aspetti, ma questo sicuramente lo sai già meglio di me...
Un abbraccio - anche se non ci conosciamo - da una mamma isterica-spesso insoddisfatta e lamentosa.

2:46 PM  
Blogger copyman said...

I bacetti, le pacche leggere e amichevoli sulle spalle e gli abbracci te li posso dare in quantità perché, of course, sono virtuali, altrimenti a tuo marito potrebbe pure saltare l'uzzo di appendere qualcosa di mio (che non specifico, ma capisc'ammè) alla parete come decorazione postmoderna :o)

Scherzi a parte, da questa finestra sulla tua vita ti apprezziamo esattamente come sei.

2:59 PM  
Blogger Igraine said...

Ciao Zattere
ti leggo da un po'. Anche io sto cercando un secondo figlio, ho appena compiuto più o meno la tua età e ho già un figlio. Ti faccio una domanda: tu faresti la fecondazione assisitit?
Perché io ci sto pensando...
Ciao IGRA

3:42 PM  

Posta un commento

<< Home

Lilypie - Personal pictureLilypie First Birthday tickers Lilypie Kids Birthday tickers